.
Annunci online

neapoliscallsnapoli

 
5 dicembre 2013
POLITICA
Premiata Norcineria "Consulta" - Roma
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c'era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all'uomo, dall'uomo al maiale e ancora dal maiale all'uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due.
George Orwell "La fattoria degli animali"

7 febbraio 2012
POLITICA
Roberto Calderoli: «Basta correggere alcuni errori di quella attuale»

martedì 7 febbraio 2012

Legge elettorale

Roberto Calderoli: «Basta correggere alcuni errori di quella attuale»


Traduzione grafica dal padanaro all'Italiano:



2 ottobre 2011
I furbi e i fessi
Perché non cambierà niente?
Giuseppe Prezzolini lo ha spiegato magistralmente ne "Il codice della vita italiana" nell'anno 1921..... Interpolandolo con Tomasi di Lampedusa e Orwell (Il gattopardo e La fattoria degli animali): Tutto cambierà affinché nulla cambi, perché saremo sempre uguali, ma i politici, eletti, saranno "più uguali degli altri".
Concludo con la frase di una persona, molto rozza ma altrettanto saggia: "la poltrona ha le cimici", vale a dire: "chiunque arriva a sedersi sulle poltrone, utilizzerà il potere a suo vantaggio (si spererebbe non esclusivo).
 

11.

Il fesso, in generale, è stupido. Se non fosse stupido, avrebbe cacciato via i furbi da parecchio tempo.

12.

Il fesso, in generale, è incolto per stupidaggine. Se non fosse stupido, ca­pirebbe il valore della coltura per cac­ciare i furbi.

13.

Ci sono fessi intelligenti e colti, che vorrebbero mandare via i furbi. Ma non possono: 1) perché sono fessi; 2) perché gli altri fessi sono stupidi e incolti, e non li capiscono.

14.

Per andare avanti ci sono due si­stemi. Uno è buono, ma l'altro è mi­gliore. Il primo è leccare i furbi. Ma riesce meglio il secondo che consiste nel far loro paura: 1) perché non c'è furbo che non abbia qualche marachel­la da nascondere; 2) perché non c'è furbo che non preferisca il quieto vivere alla lotta, e l'associazione con altri briganti alla guerra contro questi.

15.

Il fesso si interessa al problema della produzione della ricchezza. Il furbo soprattutto a quello della distri­buzione.

16.

L'italiano ha un tale culto per la furbizia, che arriva persino all'ammi­razione di chi se ne serve a suo danno. Il furbo è in alto in Italia non soltanto per la propria furbizia, ma per la reve­renza che l'italiano in generale ha della furbizia stessa, alla quale principalmente fa appello per la riscossa e per la vendetta. Nella famiglia, nella scuola, nelle carriere, l'esempio e la dottrina corrente, che non si trova nei libri, insegnano i sistemi della furbizia. La vit­tima si lamenta della furbizia che l'ha colpita, ma in cuor suo si ripromette di imparar la lezione per un'altra occasio­ne. La diffidenza degli umili che si ri­scontra in quasi tutta l'Italia, è appun­to l'effetto di un secolare dominio dei furbi, contro i quali la corbelleria dei più si è andata corazzando di una cor­teccia di silenzio e di ottuso sospetto, non sufficiente, però, a porli al riparo delle sempre nuove scaltrezze di quelli.

sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte