.
Annunci online

neapoliscallsnapoli

 
15 gennaio 2009
SOCIETA'
SANGUE FREDDO NAPOLETANO
Al reparto alimentari di un supermercato milanese si presenta un omino di Cinisello con faccia da pignolo e piantagrane e chiede al commesso mezzo cocomero.

"Un momento solo signore, devo chiedere una cosa al responsabile".

Il commesso si avvia verso gli uffici direzionale senza accorgersi che il cliente lo segue.

Entra nell'ufficio del responsabile e prorompe:

"Direttore, c'e' un cretino di là che mi ha chiesto mezzo cocomero".

Cenni disperati del responsabile, che ha visto il cretino in questione.

Il commesso si gira e, senza fare una piega, dice: "E poi ci sarebbe questo gentleman che sarebbe interessato a prendere l'altra metà"

Risolta la situazione, il responsabile e il commesso si ritrovano da soli nell'ufficio:

"Giovanotto", dice il direttore, "stava per combinare un bel disastro, ma non ho potuto fare a meno di ammirare il sangue freddo con cui ne è uscito fuori. Vorrei sapere qualcosa di più sul suo conto. Come si chiama?"

"Mi chiamo Pasquale Quagliarulo, signore, e vengo da Napoli, città di grandi calciatori e grandi mignotte".

Il direttore: "Mia moglie e' di Napoli...".

"Ah, si'? E in che ruolo gioca?"

11 settembre 2007
Cannibali e dirigenti
Cinque cannibali vengono assunti come impiegati in una ditta. Durante
la presentazione, il Direttore Generale dice:
- Adesso fate parte del
gruppo. Qui si guadagna bene, se avete fame potete andare alla mensa
aziendale. Quindi, non date noia agli altri impiegati! - I cannibali
promettono di non disturbare gli altri.
Quattro settimane dopo il Direttore Generale torna e dice:- State tutti lavorando bene, sono molto soddisfatto di voi, anzi da tre settimane l'azienda sta andando a gonfie vele. Però da ieri sembra scomparsa una delle ragazze delle pulizie, gli uffici sono sporchi e i cestini della carta sono pieni.
Qualcuno di voi sa cosa è successo?
Tutti i cannibali dichiarano di non sapere niente della ragazza. Ma dopo che il direttore è uscito, il capo dei cannibali chiede agli altri:
- Chi di voi idioti ha mangiato la ragazza? -
Uno alza esitante la mano, ed il capo dei cannibali lo rimprovera:
- Imbecille! Per quattro settimane abbiamo mangiato Responsabili di Marketing; Capi Area; Capi Delegazione; Dirigenti; Ispettori;  Area Manager e Product Manager, in modo che nessuno si accorgesse di nulla, e tu..... tu dovevi proprio mangiarti la ragazza delle pulizie?!?
28 agosto 2007
SOCIETA'
Aborto selettivo
La moglie di un facoltoso industriale del nord, simpatizzante della Lega Nord, decide di assicurare una degna genia al marito, però vuole essere certa che i figli saranno delle celebrità nel canto lirico e nella pittura. Si mette alla ricerca e trova un medico disponibile ad assisterla nell'impresa.
La donna viene fecondata con le opportune manipolazioni genetiche, tali da soddisfare le aspettative.
Ad un controllo in gravidanza il medico, comunica alla signora che il tutto procede per il meglio, ma, piccolo particolare, il pittore è un pittore ma il cantante lirico, ha si una voce tenorile, ma con specializzazione nella canzone napoletana. Alla notizia la signora inorridisce, senza indugi, chiede al medico un aborto selettivo. Il medico cerca di dissuaderla, inutilmente.
Fissata la data, la signora si sottopone all'intervento, concluso il tutto, il medico provvede ad appoggiare sul ventre una sonda microfonica, ma invece di sentire il classico pumf pumf del cuore si si riesce ad ascoltare una vocina che canta: "hanno acciso a fratm 'o pittoreeee....".

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto selettivo

permalink | inviato da neapoliscallsnapoli il 28/8/2007 alle 0:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 settembre 2005
Attentato a Napoli

Alcuni mesi fa ho ricevuto questa barzelletta 

Alcuni documenti del SISDE rivelati recentemente
affermano che, dopo le affermazioni del Presidente del Consiglio,
secondo cui la civiltà occidentale è superiore a
quella islamica, Bin Laden diede ordine di organizzare
un attentato aereo in Italia.

Due terroristi, provenienti da un Paese del Medio
Oriente, arrivarono a Napoli con la ferma
determinazione di eseguire "il castigo di Allah per
gli infedeli italiani".

Ecco la storia e l'itinerario dei due terroristi una
volta giunti nel nostro Paese:

Domenica ore 23:47: arrivano all'aeroporto
Internazionale di Napoli, via aerea dalla Turchia;
escono dall'aeroporto dopo otto ore perché gli hanno
perso le valigie.

La società di gestione dell'aeroporto non si assume la
responsabilità della perdita ed un impiegato consiglia
ai terroristi di provare a ripassare il giorno dopo:
chissà, con un po' di fortuna...!

Prendono un taxi. Il taxista (abusivo) li guarda dallo
specchietto retrovisore; e vedendo che sono stranieri,
li passeggia per tutta la città: durata un'ora e
mezza.

Dal momento che non proferiscono lamentela, neanche
dopo che il tassametro raggiunge le 374.000 lire,
decide di fare il colpo gobbo: arrivato alla
rotonda di Villaricca, si ferma e fa salire un
complice. Dopo averli derubati dei soldi e coperti di
mazzate, li abbandonano esanimi nel Rione 167.

Lunedi ore15:45: arrivano all'aeroporto di Capodichino
con la ferma intenzione di dirottare un aereo per
farlo cadere sulle torri dell'Enel del Centro
Direzionale.
I piloti ALITALIA sono in sciopero. Stessa cosa per i
controllori di volo.
L'unico aereo  disponibile che c'e in pista e uno
della MARADONA AIR con destino Sassari ed ha 18 ore di
ritardo...gli impiegati ed i passeggeri sono accampati
nelle sale d'attesa... intonano canti popolari...
gridano slogan contro il governo ed i piloti! Arrivano
i celerini... cominciano a dare manganellate a destra
e a manca, contro tutti...si accaniscono in particolar
modo sui due arabi.

Lunedi 22:07 A questo punto, i terroristi discutono se
farlo oppure no...non sanno più se, distruggere Napoli,
è un atto terroristico o un'opera di carità.

Lunedi 23:30 Morti di fame, decidono di mangiare
qualcosa al ristorante dell'aereoporto ...ordinano
panino con la frittata ed impepata di cozze.

Martedi 04:35 In preda ad una Salmonellosi fulminante
causata dalla frittata, finiscono all'ospedale San
Gennaro, dopo aver aspettato tutta la notte nel
corridoio del pronto soccorso. La cosa non sarebbe
durata più di un paio di giorni, se non fosse
subentrato un sospetto di colera dovuto alle cozze.

Domenica 17:20 dopo dodici giorni escono dall'ospedale
e si trovano nelle vicinanze dello stadio San Paolo.
Il Napoli ha perso in casa con il neopromosso Palermo,
per 3-0 con due rigori assegnati alla squadra
siciliana dall'arbitro Concettino Riina da Corleone.
Una banda di ultrà della "MASSERIA CARDONE", vedendo i
due arabi scuri di carnagione, li scambia per
tifosi del Palermo e gli rifila un'altra caterva di
legnate.

Il Capo degli ultra e un tale "Ciccio o Ricchione" che
abusa sessualmente di loro.

Domenica 19:45 Finalmente, gli ultra se ne vanno. I
due terroristi decidono di ubriacarsi (una volta nella
vita, anche se e peccato!). In una bettola della zona
portuale gli rifilano del vino adulterato con metanolo
e i due rientrano al San Gennaro per l'intossicazione.
Gli viene anche riscontrata la sieropositivita'
all'HIV (Ciccio non perdona).

Martedi 23:42 I due terroristi fuggono dall'Italia in
zattera con direzione Libia, cagando per tutto il
percorso, semiorbi per il metanolo ingerito e con una
dozzina di infezioni e il virus HIV. Giurano su Allah
che non tenteranno mai più nulla contro il nostro
amato Paese; gli attentati preferiscono farli negli
Stati Uniti.


FrancescoFranz



permalink | inviato da il 26/9/2005 alle 11:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte